Scalinatella – Storia

Pubblicato: gennaio 17, 2011 in Uncategorized

Scalinatella

Scalinatella è una celebre canzone scritta nell’ormai lontano 1948 da Enzo Bonagura (parole) e da Giuseppe Cioffi (musica) che racconta di un amore tradito e di una “scalinata stretta stretta e lunga lunga”.
Ma in che zona si trova questa famosa scalinatella? Ci sono interpretazioni differenti a questo riguardo, poiché c’è chi parla di Positano (Roberto Murolo) e chi parla di Capri.
A Positano, effettivamente, la spiaggia è raggiungibile o dalla strada principale oppure da una “scalinatella longa longa…”, c’è però anche da dire che la canzone fu composta dopo un soggiorno a Capri dello stesso Bonagura.
Ad ogni modo, ecco la nascita di “Scalinatella” raccontata dallo stesso autore:
“Andavo a casa di Cioffi una sera, a piedi, ero giovane e mi piaceva camminare. Percorrevo via Toledo e tracciavo senza fermarmi delle parole sulla carta, che avevo già, così come mi venivano a mente, un certo suono e una certa cadenza che rendevano più veloce e più cadenzato il mio passo. Giunto a casa dell’amico e sedutomi al suo fianco, ho a più riprese posto quel foglietto accanto al piatto dove egli mangiava. Niente. Finse sempre di non percepire il mio invito a leggere. Finito il pranzo, con calma egli si alzò, sedette al pianoforte e suonò Scalinatella con le stesse note che tutto il mondo oggi conosce. Io non rifeci e non aggiunsi, non sostituii mai alcun verso”.
Flamenco Tango Neapolis vuole rendere omaggio a questo capolavoro della musica classica napoletana con una contaminazione molto particolare, ovvero con il ritmo del flamenco andaluso: in questo modo Scalinatella diventa un brano che irrompe con tutta l’energia dell’espressività napoletana in una vera e propria “juerga flamenca”.
 
Testo
 
Scalinatella,
longa, longa, longa, longa
Strettulella
strettulella,
addó stà chella
‘nnammuratella?

Nun sponta ancora…
zuc, zuc, zuc, zuc
zucculillo
zucculillo,
pe’ ‘sta viarella
scarrupatella!

Addó mme ne vogl’í, t”o ddico e crideme…
addó se ne pò ghí chi è stanco ‘e chiagnere?!

Scalinatella
saglie ‘ncielo o scinne a mare
cercammella
trovammella,
portame a chella
sciaguratella!

Chella s’è ‘nnammurata ‘e ‘nu pittore
ca pitta Capre e parla furastiero…
e i’ porto ‘mpietto ‘nu dulore ‘e core
e sento ca m’accide ‘stu penziero!

Scalinatella
saglie ‘ncielo o scinne a mare
cercammella
trovammella,
portame a chella
sciaguratella!

 

FTN

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...